Borse europee deboli attendono banchieri centrali, Milano -0,08%

CONTATTAZIONI IN BORSA OPERATORI AL COMPUTERDeboli le piazze finanziarie europee in avvio, in attesa degli interventi dei banchieri centrali previsti in giornata. A breve è in calendario il discorso di Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea; successivamente parleranno il governatore della Reserve Bank of Australia, della Bank of England, quindi il presidente della Fed Janet Yellen. Attesi anche alcuni dati macroeconomici di rilievo dagli Stati Uniti come l’indice S&P Case Shiller di aprile, l’indice che misura la fiducia dei consumatori Usa a giugno e l’indice Fed di Richmond. Ieri intanto Wall Street ha chiuso debole con il Dow Jones a 21.409 punti (+0,07%), lo S&P 500 a 2.439 (+0,03%) e il Nasdaq a 6.247 (-0,29%). In questo scenario, Milano si muove sotto la parità, con il Ftse Mib in calo dello 0,08%; Francoforte cede lo 0,27%, Parigi segna -0,33%, Bruxelles -0,15%, Madrid -0,2%, Londra -0,05%. Tra le blue chips, prosegue in rialzo Intesa SanPaolo (+0,59%) dopo il progresso messo a segno ieri sulla notizia dell’acquisizione delle due banche venete, Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Ca’ de Sass ha aumentato nella seduta di ieri di 1,5 miliardi di euro la propria capitalizzazione. In rialzo StMicroelectronic che guadagna l’1,93%. Tra i bancari positive Ubi (+0,75%), Bper (+0,73%), Banca Generali (+0,34%), Banca Mediolanum (+0,27%). Negativo il resto del comparto. vendite su Ynap (-1,81%) e su alcuni titoli industriali: Recordati (-1,36%), Leonardo (-1,18%), Brembo (-1,07%), Fca -0,88%), Ferrari -0,69%).

Fonte: Adnkronos

Questa voce è stata pubblicata in Attualità dal mondo, World News e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.