Parlamento Ue, sì a una direttiva comunitaria anti-evasione

Il Parlamento europeo – con una risoluzione approvata dall’assemblea di Strasburgo – si e’ pronunciato favorevolmente sulla proposta della Commissione per una direttiva comunitaria anti-evasione fiscale. Gli eurodeputati hanno però posto alcune condizioni, tra cui limiti più rigorosi alle detrazioni per i pagamenti degli interessi e norme più severe sui redditi esteri, con un’aliquota minima d’imposta al 15 per cento. Inoltre, il Parlamento europeo ha deciso di istituire una commissione d’inchiesta sui cosiddetti Panama Papers, le rivelazioni sulle società offshore e i loro beneficiari. Compito della commissione sarà di indagare sulle presunte violazioni e sui casi di mancato rispetto, da parte della Commissione o degli Stati membri, delle norme comunitarie in materia di riciclaggio, elusione ed evasione fiscale. La commissione sarà composta da 65 membri e avrà dodici mesi per presentare la relazione finale.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Questa voce è stata pubblicata in Paradisi fiscali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.