Canada, indagini anche all’estero

La Corte federale canadese ha riconosciuto, con una sentenza su un caso particolare, il potere dell’Amministrazione finanziaria di ottenere informazioni e documenti da società residenti in Paesi diversi da quello di residenza della società verificata.

Il contribuente cui è inviata la richiesta può, entro 90 giorni dal ricevimento della stessa, rivolgersi al giudice per opporsi al provvedimento.

La sentenza della Corte Federale si riferisce a una società canadese che vende calzature e che controlla  quattro società residenti nelle Bahamas cui aveva trasferito diverse somme di denaro come corrispettivi per prestazioni di servizi.

L’Agenzia aveva chiesto a queste società informazioni per verificare la rispondenza con quanto dichiarato dal contribuente nel corso della verifica e, soprattutto, controllare le concrete modalità di prestazione dei servizi da parte delle consociate residenti nelle Bahamas.

Questa voce è stata pubblicata in Attualità dal mondo. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.