Evasione, indagini in 46 Paesi

Media di tutto il mondo stanno indagando da mesi su migliaia di imprese e privati che hanno aperto società offshore per evadere il fisco. Fra questi vi sarebbero anche 300 privati e 70 società in Svizzera, hanno annunciato oggi la “SonntagsZeitung” e “Le Matin Dimanche”.

Oltre 2,5 milioni di documenti sono stati trasmessi a una cinquantina di media in 46 paesi dal Consorzio internazionale per il giornalismo investigativo (Icij) di Washington. L’Icij ha ricevuto per posta cd contenenti 260 gigabytes di dati e li ha trasmessi ai media partner mesi fa. Da allora circa 80 giornalisti esaminano l’impressionante massa di documenti e oggi hanno reso noti i primi risultati.Gli ‘Offshore Leaks’, come sono stati denominati dai media che partecipano all’inchiesta, contengono una quantita’ di informazioni superiore a tutte le fughe di dati bancari degli ultimi anni verso la Germania o la Francia.

In Svizzera tre giornalisti di “Matin Dimanche” e “SonntagsZeitung” lavorano sui documenti da dicembre. Secondo i due domenicali, nella vicenda sarebbero implicate persone e societa’ in tutta la Svizzera, compresa Lugano. Fra questi una ventina di banche e numerosi intermediari finanziari che hanno aperto societa’ offshores per nascondere i conti di clienti stranieri.

Tags