Infortuni in diminuzione, ma crescono le malattie professionali

inailInfortuni in calo nel 2015, ma non quelli con esito mortale, mentre continua il trend di crescita delle denunce di malattie professionali. E’ questa la fotografia che emerge dai dati sull’andamento infortunistico presentati stamane a Montecitorio dal presidente dell’Inail, Massimo De Felice, che nel corso della relazione annuale dell’Istituto ha anche dato conto dei risultati finanziari ed economici conseguiti lo scorso anno dall’ente assicurativo.
Prendendo a riferimento il quinquennio 2011-2015, De Felice ha confermato l’andamento decrescente nella serie storica del numero degli infortuni, con 637mila denunce effettuate lo scorso anno , il 4% in meno rispetto al 2014 e il 22,1% in meno se il confronto si sposta sul 2011. Gli infortuni riconosciuti sul lavoro sono stati

poco più di 416mila (-6,6% rispetto al 2014), di cui il 18,2% fuori dall’azienda. Sono cresciute, invece, le denunce di infortunio con esito mortale, passate dalle 1.152 del 2014 alle 1.246 dello scorso anno (+8,16%), di cui 694 per infortuni accertati sul lavoro. Il dato, tuttavia, in questo caso non è ancora consolidato perché sono in istruttoria ancora 26 infortuni.

Fonte: Il Sole 24 Ore

 

Questa voce è stata pubblicata in Italia Focus, Italia News e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.