Tobin Tax, si a emendamenti Ue

La Commissione è pronta a tenere in considerazione alcuni degli emendamenti che il Parlamento Ue vorrebbe al testo della Tobin Tax che stanno discutendo gli undici Paesi che hanno deciso di andare avanti con la cooperazione rafforzata. Gli emendamenti del Parlamento Ue non hanno comunque valore vincolante su questioni di fisco.

In particolare, il commissario alla fiscalita’ Algirdas Semeta si dice aperto a esaminare un’introduzione iniziale con aliquota piu’ bassa per prodotti di specifici segmenti di mercato. Ma ”per ragioni di neutralita’ della tassazione sono ancora convinto che i titoli di Stato e i fondi pensione debbano rimanere nel raggio d’azione della direttiva” magari con aliquote ridotte, ha precisato il commissario. L’Italia vorrebbe invece che i titoli di Stato fossero esenti. Altro emendamento su cui Bruxelles e’ aperta riguarda le Pmi, che il Parlamento Ue vorrebbe tutelare evitando che ricadessero nella categoria ‘istituzioni finanziarie’ quindi soggette alla Tobin tax.

”Abbiamo compreso il messaggio e siamo aperti a rivedere il modo per evitare che le Pmi siano catalogate come istituzioni finanziarie”, ha detto Semeta. Per Semeta e’ comunque necessario che gli undici Stati vadano avanti in fretta sul dossier, che al momento si e’ arenato sull’ampiezza del raggio d’azione della tassa. ”E’ tempo di agire”, ha detto Semeta.

Questa voce è stata pubblicata in Fisco dal Mondo. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.