“Lotta al sommerso con riforma”

“La lotta al sommerso non si fa andando a prendere le targhe dei Suv o identificando i clienti nei ristoranti. E non credo sia un bene questa spettacolarizzazione dei controlli, specie in un Paese in cui la pressione fiscale e’ altissima”. Lo dice, commentando il blitz della Guardia di Finanza a Capri, Portofino e Portocervo, il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, intervistato da QN. “Meglio sarebbe, se si vuole contrastare il sommerso, provvedere al piu’ presto alla riforma del fisco e varare misure che aumentino la deducibilita’ delle spese”, conclude Squinzi.

Questa voce è stata pubblicata in Fisco Italia. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.