No allo sfratto per morosità per le locazioni commerciali

No allo sfratto per morosità per le locazioni commercialiCom’è noto, le misure di contenimento imposte dal Governo durante il primo periodo della diffusione del Covid 19 hanno avuto un severo impatto sulle attività commerciali esercitate da imprenditori in immobili concessi loro in locazione.
È accaduto, infatti, che moltissime attività venissero interdette (con la conseguente perdita totale di guadagni), mentre i titolari continuavano ad essere obbligati al versamento del canone di locazione.
L’impossibilità di esercitare l’attività commerciale per la quale era stata a suo tempo conclusa la locazione, in tale stato di cose, creava una notevolissima sperequazione tra le prestazioni, anche tenendo conto del fatto che il conduttore, pur non potendo esercitare la propria attività economica, conservava comunque un interesse a mantenere la detenzione dell’immobile locato, mantenendovi le proprie strutture e le merci ivi depositate, nella speranza di poterla riprendere, compatibilmente con l’evoluzione della situazione epidemiologica.
La normativa straordinaria dettata in materia di locazione, peraltro, non presentava soluzioni espressamente concepite per riequilibrare il sinallagma contrattuale, se non la concessione di un credito d’imposta e la dichiarata esclusione della responsabilità del debitore anche relativamente all’applicazione di eventuali decadenze o penali connesse a ritardati od omessi pagamenti.
In siffatto stato di cose, l’esigenza avvertita dagli operatori del diritto era quella di individuare, all’interno del sistema normativo, le disposizioni che consentissero di contemperare le esigenze di entrambe le parti del rapporto locatizio.
Le ordinanze prese in considerazione dagli specialisti di Altalex arpono una strada che, se pure non prevista espressamente nella normativa straordinaria, è coerente con i principi generali, che impongono di valutare la gravità dell’inadempimento ai fini della risoluzione del contratto, ed armonizza il sistema generale delle tutele concesse al debitore inadempiente con quello, specifico, dettato mediante la decretazione d’emergenza.

Siti di riferimento: altalex

Tags