Privatizzazioni, per Poste nuova quota in Borsa entro metà anno

poste-675Il governo Gentiloni rimette sulla rampa di lancio le privatizzazioni. Si parte con la seconda tranche di Poste per la quale, mercati permettendo, si pensa alla fine del primo semestre, dunque tra giugno e luglio. Ma a sorpresa potrebbe tornare d’attualità quest’anno anche la privatizzazione delle Ferrovie dello Stato, o più probabilmente la parte pregiata del gruppo, ovvero l’alta velocità rappresentata dalle Frecce e i treni a lunga percorrenza. L’avvicendamento tra il governo Renzi – che in verità aveva messo in congelatore le privatizzazioni nella seconda metà del 2016 sospendendo l’iter per la seconda tranche di Poste previsto a ottobre – e il governo Gentiloni non ha comunque cambiato l’agenda sulle dismissioni. ”Noi stiamo continuando a lavorare – conferma a IlSole24Ore il responsabile della segreteria tecnica del ministero dell’Economia, Fabrizio Pagani -Dopo aver quotato in Borsa Poste Italiane nel 2015, dismettendo il 35,5% del capitale, e dopo aver ceduto un’altra quota pari al 30 per cento a Cassa depositi e prestito lo scorso anno, resta l’obiettivo di vedere sul mercato la residua quota del 30%, con le stesse modalità dell’Ipo e cioè con la cessione a investitori istituzionali e risparmiatori. La tabella di marcia prevede l’operazione entro quest’anno, ovviamente mercati permettendo”.

Fonte: Il Sole 24 Ore

 

Questa voce è stata pubblicata in Italia Focus e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.