Sardegna, ridotta Irap del 70%

”Un provvedimento di svolta per alleviare il peso sostenuto dalla Sardegna che produce affinché possa alzarsi dalla macerie della crisi e trovare lo slancio necessario per inseguire la ripresa economica”. Lo hanno dichiarato il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci e l’assessore del Bilancio, Alessandra Zedda, dopo l’approvazione dell’emendamento che stabilisce la riduzione dell’Irap al 70 % per imprese ed enti locali e all’1% per l’amministrazione statale. ”Un’iniziativa che, insieme alle altre azioni inserite nella Finanziaria per sostenete lo sviluppo e contrastare la crisi, rappresenta un piano straordinario di ricostruzione del nostro tessuto produttivo. 

È la dimostrazione di quell’Autonomia responsabile ed operosa – evidenziano il presidente e l’assessore – che non e’ statica, non si limita al dato formale ne’ si esaurisce in un puro e semplice rivendicazionismo, ma si concretizza in scelte oculate di finanza pubblica. Si tratta di un segnale forte anche allo Stato centrale, al quale abbiamo chiesto di ripristinare un quadro di leale collaborazione istituzionale adottando scelte altrettanto coraggiose sui temi della vertenza Sardegna, a partire dall’allentamento dei vincoli del patto di stabilità”.

”Quella che si rivolge al nuovo esecutivo è, in altre parole, una Sardegna che fa la sua parte e domanda allo Stato centrale di fare la sua perché troppo spesso in passato la Regione ha dovuto supplire alle amnesie di Roma sulle risposte attese dalle famiglie, dalle imprese e dai territori. Entro il 2013 – proseguono Cappellacci e Zedda – approveremo un’ulteriore misura sulle accise, che inciderà sui consumi, generando anche in questo caso benefici concretamente percepibili nella vita quotidiana dei cittadini. Sono provvedimenti regionali – concludono i due esponenti della Giunta – che esprimono una volontà forte sulla politica fiscale: lo stesso spirito e la stessa determinazione che caratterizzano la rivendicazione che ha come obiettivo la zona franca della Sardegna”.

Tags